PSICODRAMMA

Nel secolo scorso, uno psichiatra che lavorò nei campi profughi della prima guerra mondiale e si trasferì negli Stati Uniti, appena prima dell’ascesa del Terzo Reich, elaborò un metodo per consentire al singolo di avere uno spazio da protagonista  e offrire al gruppo un momento di condivisione e restituzione: il medico era Jacob Levi Moreno e  il metodo fu chiamato Psicodramma.

Psicodramma perché si tratta di un metodo attivo, in cui più che narrare si agisce e ci si relaziona con un intreccio spontaneo tra le proprie esigenze individuali  e le richieste della realtà.

Il metodo moreniano consente di esprimere il proprio vissuto, di concretizzarlo per osservarlo da diversi punti di vista, portando a prendere confidenza con gli altri e ad accogliere l’invito a progettare il cambiamento da protagonisti.

Tramite un’esperienza globale (corpo e mente, parola e azione, emozione e ragionamento) si potenziano senso di responsabilità e  creatività costruttiva in quei processi gruppali, spesso carichi di mutevolezza e complessità,  fisiologici all’interno di un’organizzazione.

Lo psicodramma è oggi ampiamente utilizzato nelle organizzazioni, perché capace di mettere realmente al centro le persone con l’intento di attivare le “umane risorse” che sono nell’organizzazione.

Un’azienda che riesce a sviluppare strategie per riconoscere le persone, sta loro permettendo di dare il meglio, di attivarsi e di creare processi relazionali  capaci di esprimere maggior valore.

FaberActive © 2019 Tutti i diritti sono riservati.

Vai alla barra degli strumenti